Storia

Annesso all’Istituto Statale d’Arte di Urbino, nasce (1962/63) il Corso Superiore per Arte Grafica (CSAG) cui va il merito di essere riuscito a coagulare il primo centro italiano di alto livello per la qualificazione professionale delle varie applicazioni grafiche.

Il corso è ufficialmente riconosociuto dal Ministero nel ‘62 anche se opera ormai da quasi quattro anni, inizialmente aveva durata triennale ed era riservato a studenti già in possesso di un titolo di scuola superiore, fu poi trasformato in un corso quadriennale equiparato all’Accademia di Belle Arti, per merito del Direttore della Scuola del Libro, Francesco Carnevali (poi sostituito da Pietro Sanchini) e di Albert Steiner, che dello CSAG era stato cofondatore.

Nel ‘71 terminata l’esperienza di Albert Steiner subentra Michele Provinciali.

Nel 1974, su decreto del Ministro Malfatti, nasce l’Istituto Superiore per le Industrie Artistiche (ISIA), erede naturale dello CSAG, che si guadagna un posto di rilievo nella formazione del progettista grafico grazie alla sua particolare formula sperimentale del numero programmato e della composizione di un corpo docente formato quasi completamente da professionisti.

Il modello è da sempre caratterizzato dalla grande flessibilità didattica e dalla interdisciplinarità dei corsi e pone nel suo iter didattico la centralità del progetto grafico.

Trai suoi fondatori nel primo Comitato Scientifico Didattico, Armando Brandolese, Renato Bruscaglia, Giancarlo De Carlo, Giancarlo Iliprandi, Bob Noorda (Consiglieri), Pietro Sanchini (Direttore), Walter Fontana (Presidente); nel corso degli anni docenti come Pino Tovaglia, A. G. Fronzoni, Michele Spera, Italo Lupi, Giancarlo Iliprandi, Alfred Hohenegger, Michele Provinciali, Massimo Dolcini, Roberto Pieracini, Michel De Boer hanno contribuito a rendere ISIA Urbino una delle più apprezzate scuole di progettazione grafica e comunicazione visiva d’Europa.

Si tratta di uno dei quattro ISIA d’Italia, oltre a quello di Roma, Firenze e Faenza. Questi hanno origine dall’Università delle Arti Decorative, inaugurata a Monza nel 1922 e successivamente rinominata ISIA, pensata come proseguimento degli studi per gli allievi dell’Istituto Statale d’Arte di Monza. Gli ISIA fanno parte del comparto AFAM, sotto l’egida del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

A seguito della legge di riforma 508/1999, le quattro ISIA sono state chiamate a rivedere la propria didattica (tradizionalmente un corso di diploma quadriennale), per renderla analoga, nella struttura, a quella dei corsi universitari, attraverso l’istituzione di due percorsi formativi distinti, uno di primo e uno di secondo livello.

Di conseguenza ISIA Urbino ha attivato, a partire dall’anno accademico 2005-2006 un corso di primo livello in Progettazione grafica e Comunicazione visiva, e un corso di secondo livello (specialistico), in Comunicazione, design ed editoria. Dal 2010 è attivo un secondo corso di diploma specialistico, in Fotografia dei beni culturali, e l’anno successivo quello in Illustrazione.

A dimostrazione della validità didattica dell’Istituto, molti studenti sono diventati professionisti di primo piano nell’ambito della progettazione della comunicazione.

 

I commenti sono chiusi.