Image et imaginaires d’architecture

incontro con Marco Introini, a cura di Lucia Miodini
21 giugno 2017, ore 15.00, ISIA Urbino, aperto a tutti

fa parte del ciclo di incontri: “La fotografia. Culture professioni pratiche.”

L’incontro propone una disamina dell’evoluzione storica della fotografia, come tecnica e come medium, ma soprattutto come strumento di analisi dell’architettura e del territorio. Saranno presentate le diverse metodologie di visualizzazione e comunicazione dell’architettura, dal progetto alla diffusione dell’immagine dell’architettura e della città attraverso diversi media. L’incontro pone l’accento sull’interpretazione critica della rappresentazione grafica e foto-grafica dello spazio architettonico, tenendo conto dei diversi procedimenti e delle teorie della nuova visione, nonché del rapporto tra progettazione architettonica e visualizzazione del progetto. Fondamentale si rivela l’analisi dei contemporanei processi di diffusione delle immagini dell’architettura e dei nuovi codici della visione. Le fotografie pubblicate nei libri e nelle riviste assumono una valenza determinante per la conoscenza del contemporaneo. Il fotografo svolge, dunque, la funzione di critico visivo dello spazio urbano, quando è un profondo conoscitore della visualizzazione del progetto architettonico attraverso l’esperienza percettiva.

La foto usata per il manifesto è Mincio 2014, Marco Introini

Marco Introini è architetto, fotografo documentarista, docente di Fotografia dell’architettura e Tecnica della Rappresentazione presso il Politecnico di Milano. Nel 2006 suoi lavori sono pubblicati all’interno del catalogo del Padiglione Italiano della X Biennale di Architettura curato da Franco Purini. Inserito nei venti fotografi di architettura protagonisti degli ultimi dieci anni, viene intervistato da Letizia Gagliardi per il libro La Misura dello Spazio (Roma, 2010). Con il progetto fotografico Milano Illuminista, nel 2015 viene selezionato dal Fondo Malerba per la Fotografia; attualmente è impegnato nel lavoro di documentazione dell’architettura dal dopoguerra ad oggi in Lombardia per la Regione Lombardia e il MIBAC. Ha al suo attivo diverse pubblicazione, mostre fotografiche di architettura e di paesaggio. Vive e lavora tra Milano e Berlino.

I commenti sono chiusi.