Dal 23 al 28 maggio ISIA Urbino coi suoi studenti e docenti abiterà gli spazi della Data

Per l’intera settimana parte dell’attività didattica sarà spostata in questa sede, dove si svolgeranno workshop, concerti, performance e conferenze.

Lo scopo dell’evento è quello di far capire e mettere a conoscenza della cittadinanza e degli studenti urbinati le potenzialità dello spazio Data, attivando una serie di attività capaci di far rivivere l’intero spazio.
Lo schema di realizzazione dell’evento non è limitato a un allestimento tipico delle mostre, bensì vuol essere un insieme di iniziative per “impossessarsi” dello spazio in modo fisico, attivo e funzionale. Una semplice mostra risulterebbe troppo sterile e statica in questo senso.

L’evento nasce con l’intento di trovare una funzionalità reale e concreta per la cittadinanza e gli studenti urbinati, e proprio per questo viene chiesto loro di dare il proprio contributo quali soggetti stessi della iniziativa. La chiamata alla partecipazione nasce come volontà di coinvolgere tutti i possibili fruitori, per ricevere feedback utili a far rivivere al meglio la Data. Tale esercizio vuole partire già dall’individuazione di un nome nuovo per lo spazio. Ai fruitori infatti verrà chiesto di trovare un possibile acronimo con cui definire lo spazio: DATA.

1463588479data_16A.png

Dal 23 al 28 Maggio il primo piano della Data verrà allestito dalle differenti realtà che hanno analizzato e studiato questo spazio negli anni, proponendone un possibile impiego in relazione con la città di Urbino (il piano secondo accoglierà in contemporanea una mostra curata dell’ISA con apertura dalle ore 16:00 alle 19:00).

Verranno poi individuate diverse aree per ospitare svariate attività di tipo: educativo, didattico, ricreativo. Gli spazi vivranno in costante fermento dalle ore 9:00 alle 24:00 per tutta la settimana permettendo così uno scambio di informazioni, opinioni e giudizi da parte di professionisti e curiosi. La mattinata del Sabato servirà come conferenza conclusiva dell’intera manifestazione. Fondamentale inoltre sarà la volontà da parte dell’amministrazione locale di dare continuità alle iniziative proposte, non limitando l’apertura e la fruizione della DATA ai singoli giorni previsti per l’evento, ma prolungando l’apertura anche per un immediato futuro, in linea con la definizione degli spazi concepiti in quei giorni. Durante i sei giorni le differenti entità coinvolte avranno l’obiettivo di riaprire il dibattito sull’utilizzo degli spazi, ognuno per il proprio settore e secondo il proprio punto di vista.

Sarà dunque un momento stimolante per poter mettere a confronto le diverse idee dei fruitori, creando un primo contatto e una possibile rete, in modo da far collaborare le realtà attive sul territorio per il benessere della struttura e della cittadinanza nel prossimo avvenire.

1463588386data_16.jpg

Sala del Maniscalco:
Dibattiti/ Eventi serali

Data:
– Spazio in cui si racconta la storia della DATA e le diverse proposte ” a cura di Ilaud , Reset/Inbar, MTA, Scuola di Conservazione e Restauro – Dipartimento di Scienze Pure e Applicate – Università degli Studi di Urbino Carlo Bo , University of Texas Sant’Antonio, Fondazione Ca‘Romanino,
– “Didattica Open” dalle 9.00 alle 18:00, dal lunedì al sabato mattina, a cura di ISIA Urbino e Accademia di Belle Arti di Urbino, e “Laboratori” didattici, dalle 19 alle 24 sperimentazione degli spazi come aule studio, – – “Spazio Open library” allestimento di una biblioteca per adulti e bambini, uno spazio dove sarà possibile studiare, conversare e rilassarsi. L’idea è quella di chiedere a ogni fruitore di lasciare in dono un libro per far “crescere” la biblioteca e aumentare il senso di appartenenza allo spazio , sarà anche possibile accedere a MLOL, la Media Library OnLine della Provincia di Pesaro Urbino, per consultare gratuitamente collezioni digitali di e-book, musica, film, giornali, banche dati, corsi di formazione online/e-learning, archivi immagini.

Con il Patrocinio del Comune di Urbino, della Provincia di Pesaro e Urbino, della Regione Marche, di GAL Montefeltro.

Partner: Università di Urbino Carlo Bo, Accademia di Belle Arti di Urbino, ISIA Urbino, Reset/Inbar, MTA De Carlo, ILAUD, University of Texas Sant Antonio, Fondazione Ca‘ Romanino, univ.paris-diderot, Paris 7.

Coordinamento evento: Assessorato Urbanistica del Comune di Urbino, Ass. Roberto Cioppi, Arch.Roberto Imperato, Associazione Inbar/Reset, Arch.Michele Pietropaolo, Arch.Federica Anniballi, Arch.Iacopo Fiorani, Lorenzo Mazzali (studio grafico), Emanuele Dini (esterni), Fondazione Ca‘ Romanino.

23-28 maggio 2016, Data, Sala del MANISCALCO (Urbino)
https://www.facebook.com/DATA-23-28-maggio-2016-Urbino-Italy-1727914174122930/?fref=ts

I commenti sono chiusi.