Research-based design: dall’archivio al progetto

Workshop con Alessandro Colizzi, a cura di Leonardo Sonnoli
per il primo anno della specialistica di Editoria
9-12 maggio 2016, ISIA Urbino

Seminario intensivo di progettazione orientata alla ricerca di tipo critico. L’obiettivo del workshop è quello di avviare gli studenti alla ricerca documentale come strumento per lo sviluppo di progetti di design, in cui la complessità dell’informazione e/o la dimensione autorale hanno un ruolo centrale.

A partire quindi da materiali di archivio, verrà elaborato un progetto di design. Data la natura intensiva del seminario, ampio spazio sarà dedicato alla ricerca e all’elaborazione critica del progetto, mentre la parte di design verrà sviluppata in forma preliminare. Il lavoro sarà condotto in piccoli gruppi con la supervisione del docente.

La prima fase, orientata alla raccolta dati e all’identificazione di un tema, introdurrà i partecipanti alla complessità di un fondo archivistico e permetterà l’acquisizione di un metodo di indagine di tipo critico. Da questo input iniziale prenderà forma il nucleo del progetto di design. Nel corso della seconda fase, un’elaborazione concettuale permetterà di precisare la tematica e il contesto, le finalità e le caratteristiche del progetto, orientando l’esplorazione formale delle opzioni di design. Il progetto può tradursi in una pubblicazione, un sito web, un allestimento espositivo, una visualizzazione grafica, un intervento pubblico o altro.

L’introduzione e la visita guidata all’archivio avranno luogo nella prima giornata. Dal secondo giorno in poi, gli studenti proseguiranno autonomamente le proprie ricerche con la supervisione del docente. Attraverso un processo iterativo e aperto prenderà così forma il prodotto di design, fino alla fase di preprogetto (stampato, modello, multimedia) che verrà presentato e discusso a conclusione del seminario.

Alessandro Colizzi partendo da una solida formazione umanistica, ha intrapreso un percorso eclettico nel campo della cultura visiva. Nel 2011 ha concluso un dottorato di ricerca sull’opera grafica di Bruno Munari presso l’Università di Leida, con la direzione di Gerard Unger. Precedentemente, dopo vari anni di esperienza come grafico in Italia, Francia, New York e Paesi Bassi, ha conseguito il Master in disegno del carattere tipografico presso l’Accademia di Belle Arti dell’Aja (KABK, 2004). Ha una specializzazione in Tipografia presso l’Atelier National de Recherche Typographique (Francia, 2001) e una laurea in Lingua e Letteratura inglese (Università La Sapienza, Roma, 2000). Dal 2005 è professore ordinario presso l’Université du Québec di Montréal (UQAM), dove insegna tipografia e storia della grafica. Ha pubblicato numerosi articoli su riviste accademiche e di settore, e ha tradotto in italiano alcuni volumi di tipografia.

I commenti sono chiusi.