Il vincitore del Bologna Ragazzi Award for Disability in ISIA

In occasione della presentazione del volume di Gusti, “Mallko y Papá”, Océano de México, Messico, 2014, che ha vinto il Bologna Ragazzi Award for disability 2016, proponiamo materiale raccolto durante la sua visita qui in ISIA, a febbraio.

La storia dell’illustratore argentino è la storia di molti genitori, “Mallko y Papá”, è un capolavoro di sensibilità, la giuria lo ha definito:

“Un libro speciale nel quale l’autore racconta il rapporto con suo figlio, affetto da sindrome di Down. Un libro che invita il lettore ad entrare nell’intimità della relazione padre-figlio, descrivendo un quotidiano, pronto per essere condiviso da chi guarda le figure, legge le parole, ascolta le storie messe in pagina. Un libro-diario che è insieme contenuto, ricerca estetica, capacità di trovare forma espressiva ai sentimenti, mettendo in campo linguaggi artistici diversi.”
– Bologna ragazzi Award 2016

Figure inclusive: un altro sguardo. Disabilità tra pensieri, parole, segni e disegni era il titolo del workshop con Gusti, tenuto dal 15-18 febbraio 2016, in ISIA, a cura di Silvana Sola, per il secondo anno del Biennio in Grafica delle Immagini.

Di seguito l’intervista all’autore ed una carrellata di immagini del lavoro con gli studenti.


Gusti – intervista video


Gusti – i lavori degli studenti in video

Cartella lavori studenti (8 Mb circa): download link.

Gusti nasce Buenos Aires il 13 luglio 1963. Ha studiato alla scuola d’arte Fernando Fader ed è entrato nel mondo dell’animazione grazie allo studio Catu Cineanimación e Hanna Barbera.

Ha illustrato numerosi libri per bambini, alcuni dei quali sono stati pubblicati in più di quindici lingue. Ha ricevuto diversi riconoscimenti, tra cui il “Manzana de Oro de Bratislava”, il “Premio Nacional de Ilustración”, il premio “Appel-les Mestres”, “El lazarillo de Ilustración”, e il premio “Junceda”.

Con la produzione di Cromosoma ha realizzato la serie animata Juanito Jones.

Ha fatto numerosi viaggi nell’Amazzonia ecuadoriana collaborando allo studio per la conservazione dell’aquila Harpíay e della foresta, e in Patagonia con il progetto Condor.

Ha insegnato disegno ai bambini nella comunità Tseltal in Chiapa.

Attualmente insegna Illustrazione alla scuola EINA e lavora come art director dello studio ” La Casa de Carlota “, con artisti con disabilità.

Ha fondato l’associazione Windown che lavora per una società più inclusiva.

Porta avanti workshop per le persone con disabilità e il suo più grande sogno è quello di girare il mondo con la carovana Windown.

 

I commenti sono chiusi.