Linguaggio e pratica del racconto fotografico [Simone Casetta]

Magistrale in Comunicazione, Design ed Editoria | I anno

Docente

Simone Casetta

Descrizione e obiettivi del corso

“Organica”: dalla fotografia come espressione di individualità, alle immagini come flusso connettivo.

Comprensione delle evoluzioni storiche nella funzione dell’immagine fotografica, come elemento autonomo e all’interno dei progetti di comunicazione. Studio dei diversi linguaggi fotografici e delle potenzialità della fotografia nell’attuale contesto culturale.

Concepire la produzione di una immagine o di una serie di fotografie come liberazione da stereotipi estetici o formali, per ricercare la massima efficacia nel trasmettere un concetto e un’emozione.

Il ruolo e il significato di comunicare attraverso il mezzo fotografico e l’identificazione dei limiti che ogni autore impone al proprio linguaggio formale nel momento in cui la tecnica fornisce possibilità di intervento praticamente senza limiti e la pratica fotografica è diventata di uso comune quotidiano.

Programma dettagliato

Attraverso gli argomenti trattati nelle lezioni si farà emergere il ruolo sociale della fotografia e si cercherà di rendere consapevole lo studente della responsabilità implicita in ogni applicazione dell’atto fotografico.

Da una parte c’è la necessità di fornire le informazioni tecniche che permettano allo studente di conoscere come ottenere un risultato non casuale (cfr. la visualizzazione secondo Ansel Adams) e di conoscere le opportunità e i limiti di ciò che il mezzo fotografico può offrire, per arrivare poi ad essere in grado di commissionare coerentemente un lavoro fotografico.

Dall’altra la necessità, più importante, di formare dei soggetti in grado di operare autonomamente in termini di espressività, capaci di avere un’opinione tecnica e di concetto sull’immagine fotografica da inserire nel lavoro che andranno a svolgere.

Si affronteranno quindi i vari aspetti legati alla pratica fotografica e ai linguaggi, con l’esame critico dell’opera di una serie numerosa di autori.

Lo studente dovrà alla fine essere in grado di rapportarsi in modo consapevole con chi produce le fotografie e con chi ne fruisce, per poter utilizzare le immagini fotografiche con precisione all’interno dei progetti di comunicazione.

Prerequisiti

  • Esperienza (di qualsiasi livello) nella pratica di ripresa fotografica.
  • Conoscenza delle nozioni di base di camera oscura.
  • Conoscenza delle nozioni di base di fotografia digitale.
  • Conoscenza del programma “Photoshop” e/o “Lightroom” per la lavorazione al calcolatore dei file digitali di immagine.

Argomenti trattati

  • Basi teoriche del processo fotografico

  • Rudimenti teorici del processo fotografico, l’ossidazione dei sali d’argento.

  • Estetica: le regole del bello, la realtà e la libertà espressiva.

  • Pensare una immagine: ogni stadio della realizzazione resta “in contatto” con la finalità.

  • La logistica: tutto quanto serve per organizzare un servizio fotografico.

    • Le strutture di supporto.

    • L’approvvigionamento dei materiali necessari a un lavoro.

    • Scelta del formato e del supporto di ripresa – influenza delle scelte sul risultato finale.

    • Le attrezzature.

    • Lo zaino del fotografo.

    • Analogico e digitale, miti e differenze: identità e divergenze espressive dei due supporti dell’immagine fotografica.

  • La “visualizzazione” (secondo Ansel Adams).

    • Impostazione di: un ritratto, un reportage, un’immagine pubblicitaria, un catalogo, una documentazione, un libro fotografico.

    • La selezione degli scatti.

    • L’”Editing” di un servizio.

    • L’infallibilità necessaria nella prestazione professionale.

    • La provinatura dei negativi: su carta o digitale.

    • Il sistema zonale per la misurazione dell’esposizione.

    • Sottoesposizione e sovraesposizione, la misurazione della luce.

    • La lunghezza focale, teoria e utilizzo.

    • Il foro stenopeico.

    • Basculaggi e decentramenti con un banco ottico, teoria e pratica.

    • La profondità di campo, teoria e pratica.

    • Latitudine di posa di una pellicola fotosensibile.

    • Panoramica delle possibilità di controllo del contrasto nel colore e nel bianco e nero.

    • I formati di compressione algoritmica per una immagine scattata o trasformata in digitale.

  • L’utilizzo delle immagini d’archivio.

    • Le agenzie fotografiche e foto-giornalistiche.

    • Copyright e royalty-free.

    • Didascalie e info-file.

    • Archiviazione di negativi, stampe e file, elementi di conservazione.

    • Salvaguardia di negativi, stampe e dati nel tempo, il “back up”.

    • Tecniche di stampa analogiche e digitali.

    • I programmi informatici per il trattamento delle immagini e per l’archiviazione.

    • Trasmissione dei file e formati dell’immagine digitale.

    • La digitalizzazione delle immagini analogiche, standard di qualità richiesti internazionalmente.

    • La presentazione del lavoro fotografico.

    • Gli interlocutori.

    • La legislazione.

    • I compensi.

    • La ricerca del lavoro.

    • Fare un preventivo economico per un lavoro o per un cliente.

  • Sito web del fotografo.

    • Rapporto tra fotografia e mercato dell’arte, evoluzione degli ultimi anni.

  • Visione e commento di libri fotografici, confronto tra il lavoro di più autori finalizzato a leggere le motivazioni a monte della loro espressione fotografica.

  • La spontaneità nel ritratto: mito e problema oggettivo.

  • Ruolo dell’immagine fotografica – etica del comunicare per immagini.

Argomenti delle esercitazioni e/o delle ricerche

  • Un ritratto in bianco e nero su pellicola, sviluppo e stampa.

  • Un’immagine a piacere eseguito con il banco ottico + sviluppo e stampa in bianco e nero.

  • Esercizi di messa a fuoco su piani diversi e non paralleli con un banco ottico.

  • Una uscita in città con il compito di fotografare delle persone e farsi firmare contestualmente una liberatoria legale per l’utilizzo delle immagini (negativo, provinatura digitale e chimica, selezione degli scatti e stampa).

  • Studio delle possibilità espressive per obiettivi di diverse lunghezze focali realizzando l’immagine della stessa scena da distanze differenti.

  • Sviluppo e stampa in bianco e nero.

  • Digitalizzazione di negativi sia in bassa che in alta risoluzione e modalità di invio a un interlocutore.

  • Immissione dei “metadati” in un file di immagine Photoshop.

  • Produzione del lavoro d’esame consistente in una serie coerenti di immagini a tema.

  • Esercitazioni di ricerca iconografica

  • Esercitazioni di scrittura in italiano a corollario e presentazione di progetti fotografici

  • Esercitazioni di oratoria di fronte al docente e ai colleghi di studio su argomenti attinenti il corso.

Modalità d’esame

Presentazione da parte dello studente di un lavoro fotografico a tema svolto autonomamente durante e conseguentemente al corso e colloquio per verificare che si siano acquisite le nozioni e i concetti trattati durante le giornate di lezione. Interrogazione orale sui testi relativi al corso e sulle dispense distribuite.

N.B.: dato che la trattazione del docente non segue uno specifico testo, ma tratta argomenti che si troverebbero in una quantità di diverse fonti bibliografiche, si fa presente che, per esperienza, è assolutamente necessaria la pratica di prendere appunti durante le lezioni ai fini di una corretta preparazione all’esame.

Bibliografia obbligatoria

  • “Sia lode ora a uomini di fama” James Agee e Walker Evans  oppure: “La mia vita intera” Mario Giacomelli, a cura di Simona Guerra
  • “Il negativo” Ansel Adams (estratto in forma di dispensa distribuito dal docente).

Bibliografia consigliata

  • “Fotografia e inconscio tecnologico” Franco Vaccari
  • “Il patto di lucidità o l’intelligenza del male” Jean Baudrillard
  • “My beautiful” John Berger
  • “Sul guardare” John Berger
  • “Sulla fotografia. Realtà e immagine nella nostra società” Susan Sontag
  • “Davanti al dolore degli altri” Susan Sontag
  • “Commentari sulla società dello spettacolo” Guy Debord
  • “Il pensiero dei fotografi” Roberta Valtorta.

I commenti sono chiusi.